LABORATORIO CREATIVO D’ARTE TRA STORIA ED ESIGENZE CONTEMPORANEE BY STEFANIA AQUILINI

Dalla progettazione alla realizzazione la mia filosofia sposa l’eleganza e l’esclusività dell’home decor.

Sperimentazioni artistiche frutto di correnti moderne, contemporanee ma anche immagini recuperate dal passato, allestimenti decorativi per interni sul filo della memoria, dove il tempo ha lasciato traccia.

Dipinti protagonisti degli ambienti di vita, opere d’arte esclusive, nelle quali l’elemento bellezza e sempre centrale, un’esperienza unica che ho voluto chiamare Aquilini Creations.

Perché nulla vale di più dello scoprire l’opera attraverso lo sguardo del suo creatore.

Perché la bellezza è soprattutto il privilegio di essere i primi ad ammirare le novità.

La mia ricerca pittorica inizia da un sogno e dall’amore per l’arte ma ciò che mi ispira veramente è la passione perché senza passione tutto vale meno e l’arte si nutre di passione.

Con visione … con determinazione … con passione.

Stefania Aquilini

Continua …

ETICA ED ESTETICA BY AQUILINI STEFANIA

“La bellezza salverà il mondo”

Dostoevskij

Oggi più che mai c’è bisogno di quella bellezza che tutti portiamo dentro e che fa bene al cuore.

Funzione etica dell’arte

L’anticamera del bene è il bello, dal punto di vista etico il bello rappresentata la salvezza e il benessere, mentre l’anticamera del male è il brutto, il disordine, il difforme.

Di norma la bellezza si riferisce alla figura femminile, la Madonna è la bellezza per autonomasia, il cui splendore scaturisce non solamente dall’aspetto estetico ma dalla bontà, dalla grazia e dall’amore.

Maria è la bellezza che salverà il mondo, grazie a Lei il male non avrà l’ultima parola.

Si intuisce la funzione etica dell’arte nella quale è fondamentale aspirare alla beltà vera perché è fonte di grazia.

L’armoniosita’, l’avvenenza come l’eleganza, non sono più una semplice sfida all’imperfezione e alla miseria umana, ma una provocazione, anzi un oltraggio al male e alle brutture del mondo.

La donna bella perché buona è colei che saprà guidare l’uomo al senso vero dell’esistenza, alla realizzazione di sé stesso, canalizzando la forza virile al compimento di grandi imprese.

Impariamo a costruire dentro di noi tutto ciò che vorremmo vedere nell’universo. Lasciamo che la bellezza ci trasformi, solo allora la potremo vedere riflessa ovunque.

Stefania Aquilini

Dipinto ispirato alla scultura in marmo realizzata da Michelangelo Buonarroti “La Pietà di San Pietro”

OGGI IN VETRINA

TITOLO: THE QUEEN OF SKY

Bianco totale, candore prezioso.

Perché ammirare un’opera d’arte quando la puoi indossare?

… quando la t-shirt e vista come una tela bianca e diventa un vero e proprio oggetto d’arte.

… quando la pittura contemporanea entra a far parte delle moltissime espressioni culturali moderne.

Continua …

LA NUOVA REALTÀ URBANA AL TEMPO DEL COVID-19 E L’ALTRA FORMA DELL’AVANGUARDIA

Come vanno questi giorni sedentari?

T-shirts By Stefania Aquilini

Parlando con amici ho riscontrato che durante questo Lockdown le persone hanno riscoperto l’arte e la creatività. Non c’è niente di meglio dell’emozione che scaturisce dalla bellezza per migliorare un momento di bruttezza. Ecco perché durante questa particolare esperienza sociale è fondamentale entrare nel magico mondo dell’arte.

Quando lasciamo le nostre emozioni, le nostre tristezze su una tela, su un foglio in qualche modo le sganciano da noi, è come se attraverso l’arte ci staccassimo da tutte le brutture, le paure, le ansie e trasformassimo le emozioni di schiavitù, in un momento di libetazione, trasmutare un periodo cupo in arte è come sancirne la fine.

Possiamo dire che si è chiusa un’epoca non sempre indovinata, e una nuova era e’ iniziata, oggi più che mai abbiamo bisogno di essere creativi per non farci trovare impreparati.

Siamo qui per creare evoluzione e questo è un tempo di riflessione, è un tempo di cambiamento, è il tempo di un ideale più alto, perché, questo periodo sara’ ricordato nei libri di storia.

STEFANIA AQUILINI
Titolo: Lockdown Anno: 2020 Tecnica: Mista

Per non dimenticare!

Questa pittura esprime la nuova realtà urbana al tempo del Covid-19.

SPIEGAZIONE DELL’OPERA D’ARTE

Nella simbologia del dipinto gli alberi lontani sullo sfondo rappresentano la natura che ha in sé il potere di rigenerare e risanare tutto nel ciclo della vita, perché nonostante l’offesa della morte il creato vince riproducendo rinascita e bellezza. Tutto e’ parte dell’ordine naturale delle cose e dopo il duro inverno c’è sempre la primavera, potenza generatrice che porta il risveglio nel mondo. Fondamentale è guardare avanti verso la meta perché è attraverso l’osservazione che l’essere umano ha la sovranità sulla materia.

APERTI A NUOVE VISIONI

Lo scopo del male è creare l’imperfezione che a sua volta genera quella spinta necessaria che porta nella società trasformazione, sviluppo, progresso e cambiamento, mentre dal punto di vista spirituale porta al risveglio, all’evoluzione e ad un nuovo inizio.

“Nulla è per caso!”

Il bene e il male ad un piano alto lavorano assieme creando equilibrio ed evoluzione, è attraverso il dolore che l’uomo matura significative trasformazioni esistenziali, mentre attraverso l’osservazione diventiamo atti su di esso.

Siamo in una fase di risveglio dobbiamo avere la forza di lasciare andare il vecchio e far entrare il nuovo.

L’ALTRA FORMA DELL’AVANGUARDIA

Titolo: Visioni oniriche

Misure: cm 80 x cm 100 x cm 2 Versione: anno 05/03/1997 Supporto: tela Tecnica: acrilico, vernice, colla

Mai avuto la sensazione che gli eventi che accadono li avete immaginati prima?

MY BOOK INSPIRED BY DREAMS

LA MIA BREVE STORIA

Quando ho realizzato questo dipinto correva l’anno 1997, ricordo che all’epoca in Italia c’era la Lira, l’economia era florida e la maggior parte della gente viveva in una condizione agiata e di benessere. A quel tempo ero giovane e spensierata, la mia vita andava meravigliosamente bene, amavo viaggiare, conoscere nuove culture e nuovi mondi, stavo vivendo un periodo positivo, mi sentivo realizzata sotto ogni aspetto della mia esistenza.

Ero tornata da poco da un viaggio, quando un pomeriggio decisi di fare questo dipinto, che successivamente intitolai “Visioni oniriche” perché dettato da fattori casuali e non frutto della logica o della mente razionale.

L’idea iniziale era dipingere una città viva con mille luci e colori, ispirata dai miei frequenti viaggi. Durante la realizzazione del quadro ricordo di aver avuto una breve visione, una specie di appuntamento con il futuro.

Solitamente mentre creo un’opera parto dall’idea, dalla volontà di realizzare qualche cosa a livello mentale, fino alla sua completa realizzazione nella trasformazione del pensiero in qualcosa di materiale. Come ho precedentemente spiegato noi artisti sappiamo bene che la creatività è un grande dono, un requisito proprio dell’essere umano che se coltivata, arricchita e potenziata può aprire delle porte temporali facendo nascere in noi intuizioni geniali, ponendoci in una condizione spirituale dove il tempo e lo spazio non esistono.

Tuttavia questa volta è accaduta una cosa inconsueta ma per me non rara, una voce a livello telepatico mi suggeriva il concetto che avrei dovuto esprimere nel quadro in contrasto con l’idea iniziale.

I colori persero la loro luminosità, il giallo venne offuscato e tutto apparve grigio, come il colore del fumo e della nebbia. Fu in quel contesto che mi venne suggerita questa frase :” E’ giunto il momento!”. Compresi che il mondo si sarebbe dovuto preparare ad un grande cambiamento, alla fine nulla sarebbe mai più stato come prima, in quel contesto mi sembrò molto strano.

Terminato il dipinto non diedi molta importanza a quanto avevo intuito, custodivo questo in me come un segreto, scegliendo di ignorarlo per tutti questi anni.

Oggi alla luce degli avvenimenti mi sono resa conto che siamo circa a metà di questo percorso e in un’ottica costruttiva è arrivato il momento di comunicare la “mi verità” .

SPIEGAZIONE DEL DIPINTO

“Nulla vale di più dello scoprire l’opera attraverso lo sguardo del suo creatore”.

Quest’opera si ispira al futurismo che fu la prima avanguardia europea, movimento culturale fondato dal poeta Marinetti il 20 Gennaio 1909 con il suo celebre “Manifesto futurista”

L’immagine vuole esprime una forte emozione che interagisce con lo spazio circostante, un programma teorico che precede la pratica.

SIMBOLOGIA DELL’OPERA

IL CIELO: Il cielo simboleggia Dio, l’aria, il firmamento, le stelle, i pianeti, le ere cosmiche, le stagioni, i cicli di vita e le forze della natura.

LA MANO: La mano Simboleggia la creazione, la comunicazione il contatto, ma anche la capacità di trasformare, di creare, di plasmare oggetti e strumenti. Le mani sono un simbolo mistico in quanto le usiamo per pregare, per benedire, per trasmettere energia da un corpo all’altro.

La mano umana proveniente dal cielo simboleggia la conoscenza dono di Dio dato all’uomo in qualità di co-creatore della realtà, di scopritore dei misteri nascosti tra le pieghe della realtà.

La mano rappresentata è la sinistra, la sinistra simboleggia il femminile ma anche madre terra.

IL COLORE ARGENTO: Il colore argento simboleggia un tempo di purificazione, l’illuminazione, la purezza, la spiritualità, la conoscenza, l’intuizione, l’inconscio, ma anche l’onestà, la rettitudine, la sincerità, la ricchezza e l’abbondanza per chi sarà pronto a riceverla. Nelle fantasie popolari l’argento veniva utilizzato per scacciare i licantropi e per tener lontano le influenze negative, per questo l’argento e un metallo nobile che riflette la luce e rappresenta la giustizia, la luce e l’ombra in equilibrio perfetto. Anche il colore argento si collega al simbolismo della notte, alla luna, al femminile, alla conoscienza di sé alla dimensione introspettiva, agli aspetti sommersi che devono essere riscoperti.

LA CUPOLA: Al centro dell’opera ho raffiguranto una cupola che rappresenta la chiesa. Mentre i 18 fori nella cupola simboleggiano i limiti dal punto di vista spirituale, incapacità di dare sicurezza, necessità di cambiamento.

Sopra la cupola ho raffiguranto un quarto di luna che simboleggia il rinnovamento, la fine di un periodo, un nuovo inizio, un nuovo ordine delle cose.

Guardando sulla torre piu alta a destra ci sono due fori che simboleggiano il numero due ma anche il numero undici.

I QUATTRO RAGGI: I quattro raggi rappresentano quarant’anni ma anche i quattro cavalieri dell’apocalisse.

LA CITTÀ DISABITATA: È la grande città moderna la principale protagonista dell’intera opera, il luogo dove si svolge tutta l’azione. Questa rappresenta la società e l’interazione sociale. La metropoli disabitata, spopolata, svuotata, abbandonata, senza luci né vita, simboleggia il cambiamento economico, la scarsa interazione sociale ma anche l’inizio di una nuova era, di un nuovo concetto di civiltà.

Sotto immagini di opere antecedenti, raffiguranti città popolate, intrise di insegne luminose di noti brand. Nel dipinto “Visioni oniriche” sono totalmente assenti.

Il colore grigio che avrebbe dovuto essere il concept del progetto non e’ stato da me inserito nell’opera perché, sebbene percepivo il cambiamento in realtà al momento non ero pronta a vederlo, non ero ancora conscia di quanto l’evoluzione futura avrebbe potuto stravolgere la mia vita.

Il colore grigio descritto all’inizio che, si presentava come fumo e nebbia in realtà impedisce la visione e simboleggia la difficoltà di comprendere una situazione perché non chiara.

COSTRUIAMO L’ARCA…L’ALTRA FORMA DELL’AVANGUARDIA

Anticipare o precorrere i tempi è comprendere che oggi è in atto un grande cambiamento epocale. Stiamo di fatto entrando in una nuova era cosmica e sociale, continuare ad alimentare il vecchio significa fallire.

Oggi tutto si sta riconfigurando come parte di un percorso.

Se analizziamo gli eventi, lavorando con la fantasia notiamo che l’era industriale che ha portato le città in passato ad uno sviluppo in verticale, non ha più ragione di esistere. Oggi con l’avvento della robotica, della blockchain e della digital age questa era è finita. Siamo di fatto entrati nella quarta rivoluzione industriale che, apre nuovi scenari alla smart city del futuro.

TRA UTOPIA E REALTÀ

Oggi sono in atto profonde trasformazioni tecnologiche, sociali e industriali, molte persone non sono informate e rischiano di restare indietro.

Auspico che le nuove città dell’avvenire siano pensate in modo da mettere in relazione le infrastrutture con il capitale umano e intellettuale di chi le abita, soprattutto dovranno essere fondate su nuovi paradigmi, pensati a misura d’uomo.

Per un livello di evoluzione veramente avanzato, sarà necessario aiutare le persone a conservare un reddito base, garantendo una qualità di vita migliore, non più fondata sullo schema delle vecchie metropoli, dove la maggior parte delle persone sono costrette a lavorare per otto ore al giorno nello stesso posto, scambiando la vita per denaro per tutta l’esistenza, mentre dovremmo investire la risorsa più importante che abbiamo “il tempo” per esprimere la nostra essenza ed affermare la nostra unicità.

Aquilini Stefania

Continua …

STRASS FORME D’ARTE BY STEFANIA AQUILINI

STRASS, EXTREME DETAIL E LA RICERCA DELLA PERFEZIONE IN OGNI PARTICOLARE.

“Pochissimi resistono al fascino di un’anima che si è dedicata alla bellezza”

In questa serie di opere fine art, l’attenzione è incentrata sul concetto di armonia, su tutto ciò che suscita meraviglia e stupore.

Questo approccio si focalizza sul produrre un’emozione derivante da un piacere estetico.

I miei dipinti come la musica descrivono le miei emozioni, il mio sentito meglio di molte parole.

Rappresentano un viaggio di riflessione sulle tracce di un itinerario emozionale, una sorta di narrazione alla ricerca della verità ideale.

Sulla tela sono impresse la mia essenza e il mio credo ma soprattutto lo scandire del tempo della mia vita.

Stefania Aquilini

“Non bisogna produrre capolavori, bisogna essere capolavori” Carmelo Bene

Titolo: Forme d’arte
il cuore è il luogo dove anima e corpo si incontrano

OGGI IN VETRINA

Un’esperienza artistica su misura, arte moderna e contemporanea su t-shirt

Continua …

MINIMAL ART, ASTRATTISMO GEOMETRICO, DIPINTI MONOCROMATICI, NEOPLASTICISMO, LETTRISME BY STEFANIA AQUILINI

La mia inquietudine artistica è sempre stata legata alle arti plastiche.

Vanto una gamma stilistica molto ampia grazie ad una formazione eterogenea che mi ha dato modo di approfondire diverse discipline.

Ho sempre dibattuto tra pittura classica appresa nei libri di storia scolastica e l’arte moderna concettuale, delle avanguardie nate nel secolo scorso che hanno arricchito la mia immaginazione.

In questa serie di opere fine art mi sono ispirata all’arte del novecento, in particolare all’arte contemporanea degli anni sessanta.

I miei riferimenti a livello storico sono: l’espressionismo astratto, la minimal art e l’arte informale.

Gli artisti che ho preso a modello in questo progetto sono: Ellsworth Kelly con le sue monocromie, l’espressionismo astratto di Kennet Noland, la minimal art di Frank Stella e le opere Full circle di Jiro Yoshihara.

In questo body of work propongo un’immagine semplice ridotta all’essenziale, fatta di tele sovrapposte e di forti contrasti cromatici.

Il modo di comunicare non è più legato alla figura sontuosa ma alla ricerca delle forma primordiale ridotta al minimo, il fine e far emergere l’immagine primaria attraverso un linguaggio visivo che lascia spazio al movimento mentale ed emozionale.

Ciò che conta è estraniarsi dall’equazione, dai paradigmi, dai preconcetti liberando la mente, permettendo che sia ciò che vediamo a guidarci.

Dall’arte informale ho imparato ad avvicinarmi al mondo senza ingabbiarlo, solo così vivremo un’esperienza fantastica.

Questa necessità di estrema sintesi è nata da una nuova conoscenza che ha generato in me l’urgenza di cambiamento, dettata da una forte bisogno di rinascita e di evoluzione. L’intento è fare emergere la rappresentazione attraverso un linguaggio visivo che lasci spazio ad una genesi e ad un nuovo inizio.

La scelta dei soggetti e caduta sulle figure geometriche, l’ente astratto intorno al quale è articolata la geometria e la matematica.

Stefania Aquilini

Titolo: Concetto spaziale 4
(Title: Spatial concept 4)
Titolo: Concetto spaziale 8
(Title: Spatial concept 8)
Titolo: Concetto spaziale 1
(Title: Spatial concept 1)
Titolo: Concetto spaziale 6
(Title: Spatial concept 6)
Nella vita tutto è come un’onda, tutto è in movimento.
In life everything is like a wave, everything is in movement.

Continua …

ASTRATTISMO GEOMETRICO, NEOPLASTICISMO, SUPREMATISMO BY AQUILINI STEFANIA

Uno studio accurato, un’attenta analisi, un’evoluzione continua mi hanno portato da un’immagine incentrata sull’estetica, sull’immagine sontuosa, alla rimozione di tutti gli strati superflui, all’esaltazione di valori esclusivamente razionali dati dalla matematica, dalla geometria, dalla fisica e dai colori fino a trovare la forma primaria.

Mentre il cerchio rappresenta la forma perfetta, è la metafora della vita è il simbolo dell’infinito, del femminile e per alcune religioni significa illuminazione.

” C’è una cosa alla quale sono sempre rimasto fedele: La voce interiore che ha determinato i miei fini nell’arte e che spero di seguire sino all’ultimo respiro”

Kandinskij

OGGI IN VETRINA

T-SHIRTS UOMO MOD. GOLD CIRCLE E MOD. ART FACTOR

Continua…

L’ARTE E L’IMMAGINAZIONE QUANDO IL PENSIERO CREA

Gli artisti sono sempre stati portavoce dei grandi cambiamenti culturali della società.

Penso che ognuno di noi sia stanco di ciò che è già stato, non sia mai che evadiamo da una identificazione con un presente che riflette il passato.

Oppure siamo sempre condannati a mangiarci la famosa “mela” portandoci dietro questo karma e perpetuando la storia? Una storia che è figlia di informazioni di bassa frequenza, di errori puntualmente ripetuti, fondata su una società il cui scopo primario è primeggiare e competere con gli altri per inseguire il potere e aumentare il proprio ego.

Oppure possiamo decidere di aprici e buttarci nel nuovo, possiamo scegliere di non essere scontati e manipolabili ma di andare verso un’ideale più alto, dove la nostra crescita, la nostra evoluzione e’ il nostro reale obiettivo. Perché le nostre cellule sceglieranno sempre un nutrimento superiore se glielo proponiamo.

I nuovi scenari dell’economia vedono fiorire un nuovo trend mondiale. La nuova economia dell’immaginazione sta soppiantando quella dell’informazione ma anche il fiorire di una nuova conoscenza spirituale e concreta allo stesso tempo che, agisce sulla sostanza e non più sulla forma. C’è necessità di cambiamento, di una nuova etica, di una società libera, fatta di persone che non hanno bisogno di inseguire nessuno e non obbligano nessuno a seguirli, che non cercano di persuadere, di convincere, di manipolare innestando i propri pensieri negli altri al fine di trarne un beneficio personale.

Le neuroscienze oggi hanno compreso che la mente ha la capacità di rendere tutto più flessibile e modificabile. Dobbiamo essere consapevoli del nostro infinito potenziale dove la parte conscia sceglie in modo consapevole gli obiettivi.

Lartista è colui che rende possibile l’impossibilità e quella che chiamiamo immaginazione è la lavagna su cui scrivere la nostra realtà.

Ritorniamo a sognare e lasciamo che sia la nostra immaginazione unita ad un alto ideale a creare la nostra realtà.

STEFANIA AQUILINI

OGGI IN VETRINA

T-SHIRTS UOMO SKATE KING

Stefania Aquilini

Continua …

VISUAL ART, OPTICAL ART, ASTRATTISMO GEOMETRICO, ACTION PAINTING BY AQUILINI STEFANIA

Titolo: Bacio rosso
(Title: Red kiss)
Titolo: Bacio rosso e graffiti
(Title: Red kiss and graffiti)
Titolo: tre baci rossi
(Title: Three kisses red)
Titolo: Labbra e linee plastiche
(Title: Lips and plastic lines)
Titolo: Vernice fresca 3
(Title: Wet paint 3)
Titolo: Vernice fresca yellow
(Title: wet paint yellow)

Avviso sul Copyrigt Aquilini Creations

Tutte le immagini e gli articoli sono protette da Copyright e tutti i diritti sono riservati.

È vietata qualsiasi distribuzione, ridistribuzione e riproduzione di qualsiasi parte di contenuto di questo sito web previo consenso scritto di Aquilini Stefania.

Continua …

ESPRESSIONISMO ASTRATTO, ARTI INDUSTRIALI, LETTRISME, BLACK AND WHITE, GRAFICA DIGITALE BY AQUILINI STEFANIA

Titolo: La mille miglia- full color black and full color white
Titolo : Conceptions- full color black and white
Titolo: Aquilini composition- full color black
Titolo: Aquilini composition- full color bronze
Titolo: The ballet – full color black
Titolo: The ballet- full color gold
Titolo: The mask
Titolo: Four faces
Titolo: Visual concept
Titolo: Pixel connessioni
Titolo : Urban people segni grafici, writers e sgocciolature di smalti.